POLITICHE DEL LAVORO

Ufficio Consigliera di Parità

La Consigliera di parità effettiva e il Consigliere di parità supplente della Provincia di Avellino sono stati nominati dal Ministro del Lavoro con Decreto n. 124 del 25.09.2019, su designazione del Presidente della Provincia di Avellino. Il mandato dura 4 anni ed è rinnovabile una sola volta. 

Vincenza Luciano – Consigliera di parità effettiva
Mario Cerbone – Consigliere di parità supplente

Il Consigliere supplente agisce su mandato della Consigliera effettiva ed in sua sostituzione.

La Consigliera di parità provinciale svolge funzioni di promozione e di controllo dell'attuazione dei principi di uguaglianza, di pari opportunità e di non discriminazione tra donne e uomini nei luoghi di lavoro. Nell'esercizio delle sue funzioni è pubblico ufficiale ed ha l'obbligo di segnalare all'Autorità giudiziaria i reati di cui viene a conoscenza per ragione del suo ufficio.

Chi può rivolgersi alla Consigliera di parità

  • I cittadini che desiderano ricevere informazioni e richiedere tutela nei casi di discriminazione di genere.
  • Enti, aziende pubbliche e private, organizzazioni e associazioni per informazioni su opportunità, strumenti e incentivi per azioni positive volte a promuovere e valorizzare la presenza femminile.

Si tratta di un servizio gratuito.

Contatti

L’Ufficio della Consigliera di parità della Provincia di Avellino si trova al 2° piano del Palazzo della Cultura –

Museo Irpino e Biblioteca Provinciale “Giulio e Scipione Capone” -  Corso Europa, 251 – Avellino.

È possibile fissare un appuntamento attraverso i seguenti recapiti:

  • Segreteria tel. 0825/790536
  • email: cons-parita@provincia.avellino.it
  • PEC: consiglieraparita@pec.provincia.avellino.it

La Consigliera di parità riceve:

  • lunedì              dalle ore 11.00 alle ore 13.00
  • mercoledì        dalle ore 11.00 alle ore 13.00
  • venerdi            dalle ore 11.00 alle ore 13.00

News

Indietro

Concorso di idee - Il nuovo Codice Rosso

11/01/2021 - 8:10:00 - Avellino

Il Ministero dell’Istruzione ed il Ministero della Giustizia intendono promuovere per l’anno scolastico 2020/2021 il concorso di idee rivolto alle istituzioni scolastiche del territorio nazionale dal titolo “Il nuovo Codice Rosso”, con lo scopo di far riflettere le studentesse e gli studenti italiani sul fenomeno della violenza di genere nella nostra società.

Il concorso nazionale “Il nuovo Codice Rosso” intende favorire una riflessione sul ruolo della violenza e del rispetto nei rapporti interpersonali, al fine di sviluppare nelle studentesse e negli studenti autonomia di giudizio, rispetto verso l’altro, pensiero critico e senso morale.
L’obiettivo prioritario del concorso è quello di sensibilizzare i più giovani sul fenomeno della violenza nella nostra società e sull’importanza della cultura del rispetto dell’altro, favorire il dialogo e prevenire e contrastare i comportamenti di violenza e l’indifferenza che spesso siamo abituati a riscontrare di fronte ad essi, attraverso la promozione di forme espressive ed artistiche di genere audiovisivo.

Gli elaborati, accompagnati dalla scheda tecnica posta in allegato (All. A), esplicativa del lavoro e contenente i dati dei partecipanti e della scuola di appartenenza, dovranno essere inviati, entro e non oltre il 22 febbraio 2021, all’indirizzo mail: 

elaborati.studenti@istruzione.it

inserendo in oggetto la dicitura “Concorso - Il nuovo Codice Rosso”.

Per info:
https://www.istruzioneer.gov.it/wp-content/uploads/2020/11/Concorso-nazionale-Il-nuovo-codice-rosso.docx?fbclid=IwAR1DZs9u03lZ17M1I5UwXLlZpObQJE0yZzkcsPbPbHsmq5dI7pJobuq6Ios